La baia di Parnu e il Mar Baltico congelato
Destinazioni,  Estonia,  Europa

Dove vedere il mar Baltico ghiacciato

È il sogno di tanti: vedere il Mar Baltico completamente ghiacciato. Come in quelle foto che ogni tanto si vedono sulle riviste e che, a noi occidentali, fanno sembrare quel mondo così lontano. In realtà non serve andare al Circolo Polare Artico per vederlo e camminarci.

Dove camminare sul Mar Baltico ghiacciato

Dovrete fare sicuramente qualche chilometro se volete camminare sul Mar Baltico ghiacciato. Ma non tanti quanti pensate e, comunque, saranno un ottimo investimento. Se, per esempio, avete deciso di andare a Riga in febbraio, sappiate che poco più a nord, a Parnu potreste realizzare il vostro sogno. Cambia la lingua, dalla Lettonia dovrete entrare in Estonia, ma se conoscete le basi dell’inglese non avrete problemi. Noleggiate un’auto a Riga e puntate a nord. Un centinaio di chilometri. Parnu è una località molto famosa, in estate, per la sua spiaggia sabbiosa, non avrete difficoltà a trovare un posto dove dormire. Ci sono tantissimi hotel con SpA aperti tutto l’anno, alcuni anche sul lungo mare.

Il Mar Baltico congelato nella baia di Parnu in Estonia

L’emozione di essere un puntino blu sul Mar Baltico ghiacciato

È una cosa che non dimenticherete. Il momento in cui, camminando sulla distesa di ghiaccio, aprirete il navigatore per vedere dove vi trovate e vi vedrete localizzati in mezzo al mare. Per un attimo resterete senza fiato. Proverete anche a riavviare il navigatore, aprirete Google Maps, chiederete a chi è con voi di provare con il suo cellulare. Ma il risultato non cambierà. Voi sarete il puntino blu in mezzo all’azzurro del Mar Baltico. Intorno a voi il ghiaccio. Sotto di voi il ghiaccio. E sotto il ghiaccio, tanto ghiaccio, il mare. E vi accorgerete di essere a una distanza tale dalla spiaggia, coperta dalla neve, a cui non arrivereste in estate pur sapendo nuotare. Non vi allontanereste tanto dalla riva. Eppure siete lì. Con l’aria gelida che vi taglia il viso e vi toglie la sensibilità, fermi e increduli a fissare un punto lontano dove non si vede l’acqua. Perché quella è più in là, troppo distante per vederla.La strada dei pescatori sul Mar Baltico congelato

3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *